Start-up-innovative

STRATEGIA DIGITALE: LA GRANDE ASSENTE

E’ molto raro sentir parlare di strategia integrata, processi e obiettivi quando si ha a che fare con realtà piccole o piccolissime che hanno il sacrosanto diritto (e il dovere, dal mio punto di vista) di essere sulla rete. Per molti essere presenti sulla rete significa avere una pagina aziendale su un social network, per altri avere un sito internet, per altri ancora avere un blog: sono d’accordo, si tratta di strumenti importantissimi, ma presi singolarmente o senza conoscerne le reali potenzialità, possono arrivare ad essere anche controproducenti per il nostro brand.

Da un pò di tempo ho cominciato a porre una domanda a tutti coloro che si affidano a me per una consulenza sulla rete, una domanda alla quale pretendo sia data una risposta sincera, a costo di rinunciare (mio malgrado), ad offrire la consulenza richiesta. Non sono certo l’oracolo di Delfi, nè ambisco ad esserlo, ma questo atteggiamento, a tratti fastidioso, mi ha permesso di raggiungere obiettivi concreti, riducendo notevolmente la dispersione di energia (fisica e mentale) e generando meno caos nel web.

La magica domandina in grado di salvare il mondo è la seguente: “Che cosa devi farci con un blog, con un sito internet o con una pagina social?“.
Le risposte possono essere infinite: generare profitto, promuovere il tuo brand online, acquisire nuovi contatti, etc. etc.
Quando – raramente – ottengo una risposta immediata e schietta alla mia domanda, ne pongo immediatamente un’altra: “Sai a cosa stai andando incontro costruendo la tua identità online?“.

Qualche settimana fa sono stato invitato a dare il mio contributo al Like Tourism 2015, tenutosi ad Ancona alla Mole Vanvitelliana. A mio parere una tra le manifestazioni nazionali più importanti in ambito turistico.
C’erano molte persone in sala in attesa di conoscere quale fosse la mia opinione riguardo il miglior prodotto da mettere online, la migliore tipologia di sito internet, il social più adatto.
Bene, io non ho parlato di nulla di tutto ciò durante il mio intervento!
Andando forse controcorrente e suscitando qualche perplessità all’inizio, ho scelto di porre alla platea le semplici domande di cui sopra e mi sono accorto che oltre alla curiosità, sui visi di quasi tutti gli ascoltatori è spuntato il sorriso genuino di chi forse a quelle domande cominciava a dare peso e lentamente anche a rispondere.

In questo blog, continuerò a fare questo: a porre delle domande e ad offrire degli spunti di riflessione. Semplicemente. Perchè in fondo non esistono soluzioni standard valide per tutti, non esistono scienze esatte da applicare al web e (lo ha detto Seneca, molto prima e molto meglio di me) “non esiste vento favorevole, per il marinaio che non sa dove andare…“.

Vi aspetto qui.
Stay tuned!

Federico Falciani

Docente Management Academy Sida Group
Area Web Marketing e Digital Innovation