collaborazione


L’INDIVIDUO NEL CONTESTO ORGANIZZATIVO

 La psicologia del lavoro e dell’organizzazione è alla ricerca del miglior ‘fit’ (congruenza) tra la pesona e l’organizzazione di appartenenza. Al di là degli adempimenti di legge (ad esempio in materia di sicurezza sul lavoro, o previdenziale), la gestione del personale dovrebbe quindi curare che le caratteristiche individuali (tratti di personalità, competenze, aspirazioni) abbiano una buona corrispondenza con le caratteristiche del contesto (le cosidette ‘richieste’ del lavoro).

Questa corrispondenza è alla base del cosiddetto ‘contratto psicologico’, che come si può ben immaginare integra e affianca il contratto di tipo normativo.

Mentre la legge prevede che il contratto normativo abbia una validità pluriennale, il contratto psicologico, spesso, è necessario che venga ridefinito frequentemente. Questo almeno in teoria, perchè all’atto pratico è improponibile un modello gestionale che insegua quotidianamente le istanza individuali nel tentativo di soddisfarle: è il motivo per cui modelli gestionali costruiti sulla soddisfazione dei bisogni individuali (ad esempio, la celeberrima ‘Piramide di Maslow’), per quanto di buon senso, storicamente non hanno mai trovato applicazione nella realtà.

Da qui la necessità di basare il contratto psicologico su elementi di giustizia organizzativa, intendendo con ciò la qualità morale di come ci si sente trattati dall’organizzazione di appartenenza.

Il senso di appartenenza all’organizzazione è nutrito, oltre che dalla eventuale condivisione di una progettualità politico-sociale della mssion organizzativa, da criteri percepiti come equi nella distribuzione delle risorse (per merito, per uguaglianza, per bisogno), nellle procedure adottate, nel livello di condivisione di informazioni e di correttezza nella relazione interpersonale.

La ricerca scietifica suggerisce che alti livelli di giustizia organizzativa percepta siano correlati con la manifestazione dei cosidetti comportamenti di cittadinanza orga izzativa, cioè tutto ciò che va oltre il minimo previsto dalla mansione.

Filippo Ferrari

Docente Management Academy Sida Group