Per una impresa italiana, soprattutto se di dimensioni medio/piccole, la decisione di investire all’estero rappresenta spesso un momento delicato della sua vita aziendale.

La Simest, società per azioni controllata dal Governo Italiano che detiene il 76% del pacchetto azionario, è stata creata per promuovere il processo di Internazionalizzazione delle Imprese Italiane ed assisterle nelle loro attività all’estero.

 Tre le tipologie di finanziamento:

1- Il finanziamento di programmi di inserimento sui mercati esteri sono finalizzati al lancio ed alla diffusione di nuovi prodotti e servizi, ovvero all’acquisizione di nuovi mercati per prodotti e servizi già esistenti. Il Finanziamento può coprire fino all’85% dell’importo delle spese indicate nel programma e può essere concesso per un importo non superiore a € 2,5 mio;

  • Spese finanziabili: costituzione di una rappresentanza permanente (locali, allestimento locali, automezzi), funzionamento della rappresentanza permanente; campionamenti, viaggi, studi di mercato, fiere, pubblicità, ecc

2- Sostenere con finanziamenti agevolati le imprese italiane che predispongono studi di fattibilità o realizzano programmi di assistenza tecnica in paesi non appartenenti all’Unione Europea;

  • Iniziative finanziabili: Spese relative a studi di fattibilità collegati ad investimenti italiani all’estero; spese relative a programmi di assistenza tecnica collegati ad investimenti italiani all’estero;
  • Spese finanziabili: Per gli studi di fattibilità, retribuzioni a personale interno incaricato, emolumenti dovuti a consulenti o ad esperti, viaggi, che risultino strettamente collegati allo studio da effettuare.
  • Per l’assistenza tecnica, quelle derivanti dall’attività di addestramento, formazione, viaggi e altre spese, connesse all’investimento, in relazione al quale è previsto il programma di assistenza;

Il finanziamento può coprire fino al 100% delle spese globali previste dal preventivo di spesa e può essere concesso  per un importo comunque non superiore a:
euro 100.000,00 per studi collegati ad investimenti commerciali;
euro 200.000,00 per studi collegati ad investimenti produttivi;
euro 300.000,00 per assistenza tecnica;

3- Partecipazione al capitale sociale di imprese costituite in paesi extra Ue da aziende italiane;

Partecipazione fino al 49% del capitale per la durata max di 8 anni

Allo scadere dell’ottavo anno il partner italiano deve impegnarsi al riacquisto delle quote.

Simest rinuncia alla distribuzione dei dividendi; Simest delega la gestione al partner italiano che detiene il 51%

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE IL PROGRAMMA DEL MASTER INTERNATIONA BUSINESS DEVELOPMENT

 

CLICCA QUI PER RICHIEDERE INFO