E-commerce

CHE NE SARà DI FACEBOOK TRA 5 ANNI?

Trend e social network del web nascono velocemente e si evolvono altrettanto velocemente: difficile predirne risultati e notorietà. L’unica strategia vincente che può salvarli è giocare d’anticipo.

Facebook: 845 milioni di utenti; 483 milioni di utenti connessi tutti i giorni; 7,5 miliardi di foto pubblicate ogni mese.

Per una volta i numeri dicono più delle parole: il colosso di Mark Zuckerberg ha capito che l’enorme quantità di informazioni personali in suo possesso può essere una forte base per le pubblicità aziendali. Ecco perché, più che alle schiere infinite di utenti privati, Facebook si è rivolto principalmente alle aziende in modo che con le loro inserzioni pubblicitarie potessero apportare ricchezza e innalzare il valore del
marchio in borsa.

L’era del diario virtuale

Perché perdersi i momenti più importanti della propria vita e non condividerli con i propri familiari o amici?
La Timeline – temuta e detestata dagli utenti privati – è nata con lo scopo di offrire un diario virtuale della propria vita: una volta impostata la propria data di nascita e pubblicate le foto della propria infanzia e dei momenti memorabili, si comporta come una piccola biografia che è possibile integrare e condividere con tutti gli altri. All’apparenza nulla di sbagliato.
Anzi, chi di noi non desidera parlare di sé o andare a frugare nelle foto dell’altro per sapere della sua infanzia?

È possibile raccontarsi a partire dalla nascita, caricando foto, video, stati e location visitate.
Ognuno di noi può vestire la propria pagina mettendo in vetrina le cose più importanti e ricordarle in una colonna centrale che segna il passaggio del tempo. In pratica, con la Timeline si
abbandona l’approccio “quotidiano” per adottarne uno “evolutivo”, che darà valore aggiunto soprattutto in futuro. Ma perché gli utenti non sono soddisfatti?

CONOSCIAMOCI MEGLIO
Clicca QUI per partecipare al nostro sondaggio

rispondi a 2 semplici domande (ci vogliono circa 60 secondi)
ci aiuterai a conoscere i settori che interessao a te e alla tua azienda

La Timeline strumento di web  marketing per le aziende

Nella pratica, la Timeline si è rivelata molto più proficua per le aziende, che dal 30 marzo in poi con le loro pagine potranno interagire in maniera più facile e diretta con gli utenti connessi.
Quindi le aziende non soltanto sono in possesso di una base utenti profilata a cui indirizzare campagne pubblicitarie create per intercettare utenti con interessi specifici e stili di vita, ma instaurano con loro un contatto diretto e personale. La timeline diventa una vetrina vera e propria, su cui pubblicare la propria storia aziendale e in cui valorizzare i successi del passato e le tendenze attuali.

E alla fine che ne sarà degli utenti?

Nell’evoluzione del più famoso social network del mondo, i privati giocheranno ancora un ruolo importantissimo grazie all’ideazione di nuove applicazioni. Grazie all’accordo con compagnie come Spotify, Hulu, Netflix, con Facebook sarà possibile ascoltare la musica o vedere in tempo reale i programmi televisivi e i film che gli amici stanno ascoltando o vedendo.

Non solo.

Si racconta che uno dei primi passatempi di Mark Zuckerberg – appena lanciato Facebook – fosse quello di scommettere su quante coppie si sarebbero lasciate a causa di pubblicazioni di foto o commenti sgradevoli. Ebbene, con il senno di poi, incrociando i dati degli status “single”, “fidanzato ufficialmente con …”, “sposato con …”, il team di ricerca ha individuato una correlazione tra gli stati sentimentali e le stagioni dell’anno. In concomitanza con dei particolari eventi annuali le coppie si formano o si disfano.
Di seguito alcuni curiosi risultati: contrariamente a quanto si pensi, in estate c’è un tasso più alto di persone lasciate, ancora peggio accade a Natale e San Valentino, durante i quali si arriva rispettivamente al 49 e al 34 per cento.  E se intendete “fidanzarvi” i giorni fortunati sono la domenica, il lunedì e il martedì (si sa, a inizio settimana è facile pure iniziare la dieta).
E per rispondere a questa tendenza Facebook lancia l’applicazione YOKE, per fare concorrenza a Meetic e trovare in rete l’anima gemella.

Immacolata Barone
Tratto da Mondo Lavoro giugno 2012

CONOSCIAMOCI MEGLIO
Clicca QUI per partecipare al nostro sondaggio

rispondi a 2 semplici domande (ci vogliono circa 60 secondi)
ci aiuterai a conoscere i settori che interessao a te e alla tua azienda

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Scroll to Top preloader